Manuel Felisi Official Site | ALBERTO MATTIA MARTINI
Manuel Felisi
Official Site

ALBERTO MATTIA MARTINI

 

Born in Milano Lambrate

Undefined, possible or impracticable, unknown and sometimes dark pit, hesitation, unpredictable, extremely absorbing, often unseizable, real or hypothetical, but certainly unique in its oneness: is the journey, lived or dreamed, “consumed” at thousand miles of distance or close to the places where we spend our lives. One of the most exceptional travellers, Bruce Chatwin, claims that “The real human’s house is not a house, is the street and life itself, is a walking journey, an experience not necessarily connected to distance; although it may regard the single individual in his intimacy, along with everything which surrounds him, “the ordinary”. Manuel Felisi’s work also suggests a journey, a path played between illusory and real, within the quarter of Lambrate, where he was born, grew up and experimented life; untieing the knots of daily existence, enjoying its taste, the pleasure of concretely knowing a territory, pulling out the absences, letting himself being cuddled by thoughts, energy and by his journey’s fellas. His journey started from his quarter, and the familiar environment where he belongs, a stratified roaming, intended as a succession of experiences, happenings, events, people, places, architectures, scents, sounds, but also ideas, materials, colours, photographs: they all gather together, piling up, getting shaped in several mind drawers. Felisi offers us a story, an experience of what we could all live personally in our daily life, during our commute from home to office, while we work, at lunch break, walking, in a movement towards different cities or perhaps on holiday. At this stage, the artist holds his photocamera and begins to shoot, enjoying the act of capturing a portion of life, of grabbing and holding forever the idea of movement, which constantly subtract us from the common sense thinking, allowing us to make an intimate, autonomous and yet purely subjective consideration. Photography as emotion is jealously preserved and held in a way that could be used afterwards, melting and merging with other materials, on a previously or contemporarily created support. The generative procedure, which Manuel Felisi puts on act, follows infact an unusual path, or anyhow goes towards an opposite direction compared to the artist work built with different materials and techniques, as well as photography. The “mechanical portrait” is the last passage of a development, here seen as a sort of “life element”, trace or memory of the past, which remains in the soul of the witness, as well as in the heart of whom is luckily capable of perceiving its vibrations. Previously Felisi’s art was constituted by other elements like flowers, subject recurring in most of his works, giving a primordial halo to his aesthetic. Flowers like origins, symbols of life and fertility, of an ancient taste of faded memories that reminds of Art Noveau which, more than a century ago, enchanted and involved the whole European country. Nature is gathered in the world of printed paper and then, with the help of technology, stamped on canvas or spread out with an old Liberty paint roller, in order to give to the faded background the idea of an evaporated past time. Press cuttings, photographs, materials, colours, merge into a whole collage, ready to be digitally printed on canvas; images melt together until they become purely a graphic element, different from the nature of reality itself, plunged and surrounded by a soft and dreamy emotional mood, where colours of a luminous and intense personality acquire the delicate tones and vibrations of a languid harmony. Felisi’s work gets shaped in a direct relationship with its represented locations, as if it was part of our experience, forming a quick connection between subject and space, human being and nature, present and past or future of a place where we have been or perhaps we’ll be going. Manuel Felisi seems to deceive us, enough to sharpen distant sensations and inducing a doubt within the witness’s life: “I think I’ve already lived this moment. I’ve been to this place before”. Suddenly the viewer awakes and thinks about a forgotten world; at this stage the intense depth of oneself’s life calls us back and claims a place, not just in our memory, but in the poetic work of the “artistic discipline”, an identity capable of communicating with feelings which produces a relation between art and reality. The result is not just a question about the place itself; Felisi’s work produces a spur to listen or make considerations about our presence within those spaces that we live daily: we become aware of the importance of decoding his opera with all our senses as a true life experience. We could compare Manuel Felisi to a Modern Romantic, for his strong desire for the past, the memories and the consciousness of it, which is not just nostalgia, but cultural innovation together with traditions, relationships between human and nature,and the development of new technologies. Benjamin used to say that who has experienced life is conscious of what he’s going through, therefore can point to a precise direction; abandoning himself, submerging completely into a place, might be pleasant and interesting, as well as getting closer to the infinite aspects represented in one’s existence; that is possible only if sometimes we rememer where we are. Certainly there is, in Manuel Felisi’s artwork, the desire of not feeling confined into a yet defined and definitive existance; allowing the viewer to a constant research, exploring the world, observing its places, objects, people, in order to make the idea of the artistic gesture become the free mind movement of an extended and shared thought.

Nato a Milano Lambrate

Indefinito, possibile o inattuabile, luogo ignoto a volte oscuro, esitazione, imprevedibile, oltremodo coinvolgente, spesso inafferrabile, reale o ipotetico, ma certamente irripetibile nella sua unicità: è il viaggio, vissuto o sognato, “consumato” a migliaia di Km di distanza o vicino ai luoghi dove trascorriamo ogni giorno la nostra vita.
Uno dei viaggiatori per eccellenza, Bruce Chatwin ci suggerisce che: “La vera casa dell’uomo non è una casa, è la strada e la vita stessa è un viaggio da fare a piedi”, un’esperienza non legata necessariamente alla lontananza, ma che riguarda il singolo nella sua intimità e al contempo con ciò che lo circonda, con il quotidiano.
Anche Manuel Felisi ci propone un viaggio, un percorso giocato tra l’illusorio e il reale, che nasce a Lambrate, il luogo dove Manuel è nato, cresciuto e vissuto, dove ha sperimentato la vita, sbrigliato i nodi della quotidianità, assaporandone anche il gusto, il piacere di conoscere concretamente un territorio, sviscerarne le assenze e lasciarsi avvolgere dall’energia dei pensieri e dai compagni di viaggio.
Dal suo quartiere, dall’ambiente a lui più familiare è partito il suo lungo viaggio, un errare stratificato, inteso come un susseguirsi di esperienze, accadimenti, eventi, persone, spazi, architetture, profumi, odori, suoni, ma anche idee, materiali, colori, fotografie, che man mano si raccolgono, si affastellano e prendono la forma di tanti cassetti nella mente.
Felisi ci offre un racconto, un’esperienza di quello, che noi tutti potremmo vivere quotidianamente, ogni giorno, durante il tragitto da casa al lavoro, mentre svolgiamo la nostra attività, durante la pausa pranzo, oppure durante una passeggiata o uno spostamento in un’altra città o ancora durante una vacanza. È a questo punto, che l’artista milanese impugna la sua macchina fotografica e inizia a scattare, ad assaporare il piacere del poter risucchiare un istante di realtà, di cogliere e bloccare per sempre quell’idea di movimento, che continuamente ci sottrae al pensiero di senso comune e ci invita ad una riflessione autonoma e intima, decisamente soggettiva.
La fotografia come un’emozione provata, viene quindi gelosamente custodita e conservata in modo, che possa essere utilizzata successivamente, quando si andrà a immergere, unirsi e confondere con altri materiali, con un supporto precedentemente o contemporaneamente creato. Il procedimento generativo, che Manuel Felisi mette in atto segue infatti un cammino, inusuale o comunque percorre un iter inverso rispetto ad opere, che si avvalgono, tra i vari materiali e tecniche, anche di quella fotografica.
Qui infatti il “ritratto meccanico” è l’ultimo passaggio della gestazione, viene posto come una sorta di “elemento di vita”, traccia e ricordo del tempo passato, che ancora vive nell’animo, sia di chi lo ha vissuto, sia di chi ha la fortuna o l’ampiezza morale di poterne cogliere le vibrazioni. Precedentemente la cifra artistica di Felisi si compone di altri elementi come quello floreale, soggetto ricorrente in quasi tutti i suoi lavori, assume e dona all’immagine una percezione di primordialità, intesa come origine, simbolo di vita e di fecondità, qui investito anche di un sapore antico, di ricordi sfumati, che fanno ritornare alla mente quell’Art Nouveau, che più di un secolo fa ebbe la forza di coinvolgere ed incantare l’Europa intera. La natura qui viene o “colta” nel mondo della carta stampata e poi con l’aiuto della tecnologia impressa sulla tela o stesa con vecchi rulli Liberty, così da interpretare perfettamente il ruolo di sfondo evaporato nel tempo.
Ritagli di giornale, fotografie, materia, colore, si uniscono in un unico collage, pronto per essere stampato digitalmente su tela; le immagini si inoltrano e compenetrano tanto da diventare un solo elemento grafico, diverse nature della stessa realtà, immerse e avvolte da un’emozionale atmosfera soffusa, trasognata, dove i colori da luminosi ed intensi, assumono toni delicati e vibrano di languida armonia.
Prendono così forma opere che arrivano a metterci in relazione diretta con i luoghi rappresentati, come se fossero parte del nostro vissuto; si viene a creare un collegamento diretto tra soggetto e spazio, tra uomo e memoria, tra presente e passato o futuro di un luogo dove siamo stati o dove forse primo poi capiterà di ritrovarsi.
Manuel Felisi sembra trarci in inganno, tanto da stimolare sensazioni lontane e provocando un dubbio, che almeno una volta nella vita ognuno di noi si è posto: “Questo momento mi sembra di averlo già vissuto. In questo luogo mi sembra di esserci già stato”. Improvvisamente poi ci si risveglia e ci riappare un mondo per un attimo dimenticato, è questo il momento nel quale la densa inquietudine del trascorso ci chiama è pretende di essere fissata non solo nella nostra memoria, ma nella poetica del “fare artistico”, identità capace di dialogare con i sentimenti e di produrre un nesso tra arte-vita.
Il risultato non è quindi ridotto a una domanda sul luogo in sé, ma l’opera di Felisi produce nel fruitore uno stimolo ad ascoltare e riflettere sulla nostra presenza all’interno degli spazi, che giornalmente frequentiamo e viviamo; un prendere atto dell’importanza di non limitarci alla semplice registrazione dei fatti, ma mettere in atto un processo di elaborazione dei dati e dei sensi dell’esperienza vissuta.
Potremmo paragonare Manuel Felisi ad un moderno Romantico, per quella forte presa di coscienza e desiderio di passato e memoria, che non è semplice nostalgia, ma innovazione culturale unita al nostro trascorso, alle tradizioni, ai rapporti tra uomo e natura, in forte connessione con lo sviluppo delle nuove tecnologie.
Benjamin diceva che chi ha esperienza è capace di prendere atto di ciò che sta attraversando e dunque orientarsi; questo a mio avviso non significa, che non sia piacevole e interessante, abbandonarsi e immergersi completamente nel luogo, che ci ospita, ma anche cercare di comprendere o almeno avvicinarsi alla frammentarietà dell’esistenza, alle sue infinite sfaccettature e tutto ciò è possibile solo se ogni tanto ricordiamo dove ci troviamo.
Certamente dalle opere di Manuel Felisi emerge il desiderio di non volersi lasciare ingabbiare nel confine di un’esistenza definita e definitiva, ma insinuarsi in una continua ricerca, esplorando il mondo, osservandone i luoghi, gli oggetti, le persone, affinché l’idea del gesto artistico si trasformi in libero movimento di pensiero esteso e condivisibile.

mattia-martini-6030

Details